Home ] Su ] Ambre Balte ] Baltic Amber ]                      

Stetoscopi

Anestesia ] Aspiratori Pneumologia ] Cardiologia ] Cauterizzatori ] Chirurgia ] Contraccezione ] Curiosità Mediche ] Elettroterapia ] Farmacia ] Fecondazione Gravidanza ] Frenologia Craniologia ] Ginecologia  Forcipi ] Ginecologia Ostetricia ] Ginecologia Vaginal Specula ] Inalatori Vaporizzatori ] Irrigatori ] Laboratorio - Ematologia ] Libri - Bibliografia ] Medicina Popolare ] Nursing Cura dell'Ammalato ] Nursing Pediatria ] Odontoiatria ] Oftalmologia ] Oto Audiologia ] Otorinolaringologia ] Proctologia ] Raggi X -  Radon ] Salasso Scarificazione ] Segnalazioni Novità ] Sfigmomanometri ] Siringhe ] Sterilizzazione Disinfezione ] [ Stetoscopi ] Storia Medicina A.Riva ] Trasfusione Sangue ] Urologia ] Vaccinazione ] Vibratori Massaggiatori ]

          


Stetoscopi monoaurali  -  Stetoscopi binaurali  -  Fonendoscopio Bazzi Bianchi  -  Laennec storia dell'invenzione  -  Martelletti  -  Ruota di Wanterberg  -   Per sorridere..  -   Links

Theophile Hyacinthe Laennec Lo stetoscopio è stato inventato da Theophile Hyacinthe Laennec nel 1816; la storia dice che per evitare l’imbarazzo dell’auscultazione con l’orecchio appoggiato al petto di una giovane paziente abbia arrotolato un quaderno appoggiandone un’estremità al torace della ragazza, l’altra al proprio orecchio scoprendo che in tal modo i rumori polmonari e cardiaci erano sorprendentemente amplificati. Vedi fondo pagina.

Successivamente perfezionò la sua invenzione usando un cilindro di legno con un foro passante di 2 mm.   


STETOSCOPI    MONAURALI - Stethoscope

STETOSCOPI    MONO-AURALI - Stethoscope

Come già era avvenuto per altri strumenti vedi forcipi, speculum ecc, ogni caposcuola ha voluto progettare uno stetoscopio con il proprio nome modificando in parte quello di altri ma senza che queste variazioni portassero ad un effettivo miglioramento della qualità dell’auscultazione. I monoaurali sono stati usati per lungo tempo in campo ostetrico per rilevare il battito cardiaco fetale, essi sono stati soppiantati solo ultimamente dall’avvento dei Doppler.


Stetoscopio Dr. Giraud di Marsiglia

Catalogo di fine 1800.

Raro ed elegante stetoscopio di Piorry in legno di cedro e avorio. 1830 ca. (merci Claude Renner)

Questo stetoscopio è un'evoluzione di quello di Laennec.  (Merci Chantal)

Stetoscopio legno non divisibile.

Stetoscopio Dr. Pinard in alluminio non divisibile usato sopratutto in campo ostetrico - 12 cm.

Stetoscopio di Pinard divisibile in alluminio.

Lo stesso svitato - 14 cm.

Stetoscopio di Pinard divisibile in alluminio - 12 cm.

Lo stesso smontato. All'inizio del 1900 l'alluminio era molto costoso perché non ancora estratto con il sistema elettrolitico.

Elegante stetoscopio in metallo cromato - 15,5 cm.

Lo stesso separato dalla base.

Quattro stetoscopi monoaurali tascabili pubblicati in dettaglio più sotto

Stetoscopio tascabile dal Catalogo Samo - inizio 1900

 

 

Stetoscopio smontabile in metallo e bachelite - 15 cm.

 

 

Quando è smontato le sue dimensioni sono molto ridotte; è un oggetto abbastanza raro.

 

Stetoscopio tascabile in avoriolina (ivorine), avorio sintetico e metallo

Lo stesso richiuso

 

Stetoscopio tascabile in guttaperca e metallo

Lo stesso richiuso

 

Stetoscopio tascabile in ebanite e metallo

Lo stesso richiuso

Stetoscopio monoaurale smonabile in avoriolina con custodia

 

Stetoscopio monoaurale metallo ed avoriolina  scura con custodia

Stetoscopio in legno di ulivo (?) base svitabile. 15 cm.

Lo stesso separato. La base dove appoggia l'orecchio è piuttosto piccola piccola: solo 5 cm di diametro, anche l'altra estremità misura 2 cm contro i 3-6 cm degli altri monaurali.

Stetoscopio in legno ad incastro - 15 cm.

Lo stesso smontato e compattato per il trasporto.

Tipico stetoscopio di Pinard in legno.

Misura 13 cm in altezza e le due estremità hanno un diametro di 5,5 e 6,0 cm.

Piccolo stetoscopio in legno verniciato con base svitabile.

Misura 13 cm.

Stetoscopio in legno di ciliegio con base svitabile.

Misura 15 cm.

Stetoscopio Dr. Pinard in bachelite smontabile. 

L'inserimento è ad incastro. Montato misura 11,5 cm.

Questo stetoscopio è il più alto della serie,  misura infatti 18 cm.

Anche questo è ad incastro per il trasporto.

Stetoscopio smontabile ad incastro. 16 cm.

Costruito con legno chiaro e molto leggero.

Stetoscopio molto simile al precedente ad incastro.

Misura 16 cm.

Stetoscopio in legno ad incastro, 17 cm.

A differenza dei precedenti ha una campana piuttosto allargata

Stetoscopio smontabile in metallo e guttaperca. 16 cm.

 

Lo stesso smontato

 

 

Stetoscopio metallico monoaurale con snodo a sfera

 

Particolare dello snodo a sfera

Stetoscopio non smontabile in legno ebanizzato.  - 15 cm.(Merci Chantal)

   

 

 


STETOSCOPI  BINAURALI - Binaural Stethoscope
 

Antico stetoscopio a campana in guttaperca e metallo.

Due stetoscopi a campana uno in metallo e legno, il secondo in metallo e ebanite marcati Spengler Paris.

Stetoscopio a campana marcato PROPPER - Germania.

Stetoscopio molto simile al precedente ma senza marcatura.

Piccolo stetoscopio a campana in bachelite bianca.

Piccolo stetoscopio a campana in bachelite nera.

 

Stetoscopio a campana in bachelite e metallo.

Piccolo stetoscopio a campana in bachelite

 

Stetoscopio a cupola senza membrana con anello di gomma.

Piccolo stetoscopio in ebanite probabilmente per uso pediatrico.

Stetoscopio De Lee Hillis - 1950 - Foetal Stethoscope.

Immagine da catalogo con la dimostrazione di come era usato questo strumento.

Stetoscopio a doppia testa  con leva di deviazione Spague Bowles - 1927.

Stetoscopio a campana di Skinner

Stetoscopio marcato "Cardiophone de Laubry" - Spengler - Paris.

Stetoscopio marcato "Cardiophone du Prof. Laubry" -  Spengler - Paris.

Stetoscopio a doppia testa, ruotando l'attacco del tubo di gomma si può selezionare il modo a cupola o a membrana.

Stetoscopio con le stesse caratteristiche di quello a lato.

Stetoscopio doppio con una testa a membrana ed una a campana marcato ERKA Germania.

Stetoscopio Aperiodico, Autofiltrante FONENDEF - Italia con attacco pneumatico.

Stetoscopio in legno e metallo con membrana.

Stetoscopio Dr. Laubry marcato Spengler - Paris. Interessante strumento a camera variabile.

Stetoscopio Ultrascop marcato "ges . gesch." a membrana.

Stetoscopio con membrana in pergamena ed anello in gomma.

Stetoscopio reversibile tipo Meredith Twin - 1930 - Ditta Woylas.

 

Stetoscopio a doppio uso: a membrana ed a cupola (togliendo l'anello con la membrana).

Stetoscopio della ditta Woylas  (Echoskop) a cupola ma con la possibilità di inserire un anello con membrana. (merci Claude Renner)

Piccolo stetoscopio binaurale a membrana.

Stetoscopio a membrana in bachelite per monitoraggio continuo a bracciale  - 1914.

Lo stetoscopio  montato sul bracciale ditta ERKA.

Inusuale stetoscopio rettangolare a doppia camera e senza membrana  marcato "Martin Hartert".

Stetoscopio a membrana della ditta ERKA Germania con coperchio protettivo.

Stetoscopio tipo Littmann a doppia testa, una parte a cupola l'altra con membrana - marcato Chirurg - Luraschi  Milano.

Piccolo stetoscopio a membrana marcato Chirurg - Germany.

Stetoscopio a membrana marcato Fleischer - Beoton Dickhinson - Rutherford N.J.

Piccolo stetoscopio con membrana in celluloide  non marcato.

Phonophore marcato Maw -  è uno strano e raro stetoscopio senza menbrana: all'interno della cupola il suono viene veicolato in un percorso tortuoso.

Catalogo S. Maw, Son & Sons -  Londra 1913.

Phonophore è anche il nome di un apparecchio acustico.

Stetoscopio a cupola in gomma marcato "Supra Bell" - ges.gesch.

 

Lo stesso completo di forcella auricolare - Germania.

stethoscope  

Stetoscopio inglese; falsa tartaruga con campana in bachelite nera. 

 

Piccolo stetoscopio con olive auricolari in ebonite - diametro testa 3 cm.

Piccolo stetoscopio binaurale con custodia

 

 

 

   
 

Olive auricolari in vetro usate nei primi stetoscopi.

 

Immagini di stetoscopi a campana da un catalogo della fine 1800.

 


FONENDOSCOPIO BAZZI BIANCHI - Phonendoscope

Nel 1894 due ricercatori italiani, Aurelio Bianchi professore di Patologia presso l’Università di Parma ed Eugenio Bazzi (1854 -1921) docente di Fisica presso l’Istituto Tecnico Galilei depositarono il brevetto di uno strumento per l’auscultazione chiamandolo Fonendoscopio.

Il Fonendoscopio era sostanzialmente uno stetoscopio a membrana a cui era sovrapposta una seconda membrana al centro della quale era fissato un corto stilo terminante con un bottone.

Con questo accorgimento, appoggiando lo stilo del fonendoscopio su differenti parti del corpo del paziente era possibile indagare i rumori e gli echi degli organi sottostanti a differenza degli stetoscopi tradizionali che permettevano solo l’ascolto del cuore e dei polmoni.

Oggi i due termini: stetoscopio e fonendoscopio hanno perso la loro connotazione iniziale e sono diventati praticamente equivalenti

A fianco la copia del brevetto americano del 1897.

 


Più sotto sono pubblicati 2 stetoscopi Bazzi Bianchi ed alcune immagini provenienti da vecchi cataloghi.
Il primo ha le olive in vetro e due differenti aste esploratici, è marcato Ch. Verdin - Paris ed è stato commercializzato dalla ditta G. Boulitte; il secondo è caratterizzato da un disco "regolatore fonico" che ruotando, permette di selezionare le frequenze dei suoni; ha le olive in gomma indurita (hard rubber) ed è stato costruito in Italia. Sono strumenti rari.
All'indirizzo: http://ia700401.us.archive.org/21/items/cu31924000289987/cu31924000289987.pdf  è possibile leggere "The Phonendoscope and its Practical Application": relazione sull'uso pratico del Fonendoscopio tenuta dal Prof. Bianchi in occasione della registrazione del brevetto negli Stati Uniti.



PAUL  BARTELEMY: "HISTOIRE DE LA MEDECINE ET DES MEDECINS"

Laennec  racconta l'origine della sua invenzione.

Probabilmente il primo stetoscopio era simile a questa ricostruzione: malgrado la sua semplicità funziona!

Paul Barthélémy: Storia della Medicina

Io fui consultato, nel 1816 per una giovane ragazza che presentava dei sintomi generali di malattia di cuore e sulla quale l’applicazione della mano e la percussione davano pochi risultati a causa della sua obesità.

L’età e il sesso dell’ammalata mi impedivano il tipo d’esame di cui io ho appena parlato (auscultazione diretta con l’orecchio appoggiato al torace)(1); mi ricordai allora di un fenomeno acustico molto conosciuto: se si appoggia l’orecchio all’estremità di una trave, è possibile udire molto distintamente un colpo di spillo dato all’altro estremo.

Io pensai che si poteva approfittare di questa fenomeno fisico .

Presi un quaderno di carta e lo arrotolai strettamente, appoggiai una estremità sulla regione precordiale e posando l’orecchio dall’alta parte fui tanto sorpreso quanto soddisfatto nell’ascoltare i battiti del cuore in modo molto più netto e più distinto di quanto io non avrei potuto ottenere con l’applicazione della mano.

Pensai allora come poter costruire uno strumento semplice e utile; non solo per lo studio dei battiti cardiaci ma anche per tutti quei movimenti che potevano produrre del rumore nella cavità toracica e quindi permettere l’esplorazione della respirazione, della voce, dei rantoli respiratori e forse anche della fluttuazione di un liquido racchiuso nelle pleuri…..

(1)...alcuni maligni sostengono che la ragazza oltre ad essere molto grassa fosse anche molto brutta....

 


Come detto sopra Laennec modificò il primitivo stetoscopio con uno strumento più razionale di legno. Gli originali sono rarissimi; tranne qualche caso quelli visibili nelle vetrine dei musei o dei collezionisti sono per la maggior parte delle copie recenti: un buon tornitore in legno infatti non avrebbe difficoltà a realizzarlo.

Riporto un brano tratto dal "Dictionnaire de Médecine - E. Littré: alla voce Stéthoscope vi è un'accurata descrizione dello strumento di Laennec e i consigli per l'uso.



Martelletti Marteaux

                 Questi strumenti erano usati sia come percussori per evidenziare eventuali ottusità polmonari sia per controllare i riflessi dei pazienti.

Antico martelletto di Vernon a testa snodata Martelletto di Déjérine. Manico in osso   

Martelletto di Traube Martelletto a doppia testa    

http://digilander.libero.it/dante.clerici/semeiotica%20neurologica/riflessi%20tendinei.htm

http://atlantemedicina.wordpress.com/2009/01/14/i-riflessi-spinali/


Ruota di Wartenberg - Wartenberg Neuroweel

E' un dispositivo per uso medico progettato dal neurologo Robert Wartemberg (1887-1956); la girandola provvista di punte acuminate viene fatta scorrere sulla pelle per testare le reazioni nervose.

Ruota di Wartemberg classica con manico in materiale plastico. 

Ruota di Wartemberg con manico ed astuccio in legno di vecchia fattura (ho qualche dubbio sul suo reale utilizzo)
http://en.wikipedia.org/wiki/Wartenberg_wheel  

Per sorridere..

Attenta scrupolosa e prolungata auscultazione...


LINKS
http://www.antiquemed.com/tableofcon.htm

ritorno a strumenti medici