Home ] Su ] Ambre Balte ] Baltic Amber ]                      

Frenologia Craniologia

Anestesia ] Aspiratori Pneumologia ] Cardiologia ] Cauterizzatori ] Chirurgia ] Contraccezione ] Curiosità Mediche ] Elettroterapia ] Farmacia ] Fecondazione Gravidanza ] [ Frenologia Craniologia ] Ginecologia  Forcipi ] Ginecologia Ostetricia ] Ginecologia Vaginal Specula ] Inalatori Vaporizzatori ] Irrigatori ] Laboratorio - Ematologia ] Libri - Bibliografia ] Medicina Popolare ] Nursing Cura dell'Ammalato ] Nursing Pediatria ] Odontoiatria ] Oftalmologia ] Oto Audiologia ] Otorinolaringologia ] Proctologia ] Raggi X -  Radon ] Salasso Scarificazione ] Segnalazioni Novità ] Sfigmomanometri ] Siringhe ] Sterilizzazione Disinfezione ] Stetoscopi Martelletti ] Storia Medicina A.Riva ] Trasfusione Sangue ] Urologia ] Vaccinazione ] Vibratori Massaggiatori ]

         


Organologia  -  Craniologia  -  Frenologia  -  Studio frenologico  -  Craniometri  -  Craniometro semplice  -  Craniometro di Bertillon  -  Goniometro di Thole  -  Craniometro Horiginal Helios  -  Fisiognomica  -  Per sorridere..  -  Links

Organologia - Organologie
L'ORGANOLOGIA è la teoria proposta da Franz Joseph Gall (1758-1828) secondo cui nel cervello umano esistono 27 regioni ad ognuna delle quali corrisponde una specifica funzione. Nella fase di sviluppo dell'encefalo, la pressione di queste zone sulle ossa del cranio ne determina la morfologia esterna quindi, una particolare conformazione della scatola cranica equivale al potenziamento o all'inibizione di una certa funzione; per questo motivo alcuni sostenitori di questa dottrina hanno preferito al termine di Organologia quello di CRANIOLOGIA. Un allievo di Gall, Johann Gaspasar Spurzheim (1776-1832), ha proposto invece la parola FRENOLOGIA che si è poi imposta universalmente.

Questa pseudoscienza ora è stata completamente abbandonata ma per tutto il 1800 e parte del 1900 ha avuto un notevole successo anche con l'adesione di importanti medici.

 

Il busto frenologico pubblicato a lato è la copia odierna di una delle molte teste di porcellana che venivano allora esibite sulla scrivania degli studi medici.


Craniologia - Craniologie in Francia nel 1884


Nel "Dictionnaire de Médecine - Littré" del 1884, cercando la voce PHRENOLOGIE si viene rimandati alla pagina di CRANIOLOGIE da cui ho estratto i due brevi brani pubblicati sopra.  L'immagine a lato rappresenta le 27 zone evidenziate con numeri, proposta da Listré; quelle invece contrassegnate da  lettere sono state aggiunte successivamente da altri autori.

Il termine Craniologia  non è mai stato accettato da Listré che è sempre rimasto legato alla sua denominazione iniziale di Organologia. In effetti la Craniologia è può essere considerata solo uno dei tanti rami della Frenologia in quanto si basa essenzialmente sulla misurazione del cranio.


Frenologia in Italia nel 1918

Dal "Dizionario Pratico di Scienze Mediche" del 1916  riporto la breve descrizione che è stata dedicata alla Frenologia dove si può già evidenziare la perdita di credibilità di questa disciplina.


Studio Frenologico


Interessante studio frenologico ritrovato tra le pagine di un trattato di medicina del 1800.  E' possibile che queste misurazioni servissero per determinare "l'angolo facciale" proposto da Pieter Camper (1722-1789); questa metodica avrebbe permesso di valutare il grado d'intelligenza del soggetto. 

Craniometri

Gli strumenti di lavoro di un frenologo erano essenzialmente due:  un nastro metrico e un craniometro.

Sulla base di misurazioni di centinaia di crani di individui normali o di soggetti con sviluppo psichico anomalo si erano fissati dei parametri metrici in base ai quali coloro che non rientravano in questi canoni venivano classificati o potenziali criminali o individui inferiori.

 

 

Anche l'ANTROPOMETRIA di cui è stato fautore Cesare Lombroso (1835-1909) è una derivazione della frenologia; in questa disciplina si associavano alcune caratteristiche cranio-facciali a comportamenti criminali.


Come per molti strumenti medici (vedi specula o forcipi), alcuni caposcuola partendo dal prototipo base di craniometro hanno voluto modificarlo legando ad esso il proprio nome. Questo strumento inventato da Bertillon è essenzialmente un compasso da riporto usato anche da meccanici e da falegnami. Nella sua forma più semplice è molto simile ad un pelvimetro infatti vi è stata un'interscambiabilità tra i due strumenti.

Craniometro semplice (Compas d'épaisseur); questo strumento in ferro grezzo non ha nessun indice metrico od angolare: la misura veniva presa sulla distanza tra le due punte.


Il successivo passaggio si ebbe con l'aggiunta di un indice inciso in centimetri o in pollici applicato presso l'articolazione dello strumento. Questo tipo di  craniometro è del tutto simile al pelvimetro di Baudelocque
Craniometro di Bertillon  Pelvimetro di Baudelocque


All'inverso, il goniometro di Thole usato in molti ospedali psichiatrici è stato utilizzato anche come pelvimetro.
Catalogo Samo: art.290 - cefalometro di Bertillon; art.291 - goniometro di Thole.   Nella seconda foto il goniometro di Thole pubblicato anche alla pagina: ginecologia ostetricia

http://wwwold.ausl.re.it/biblioteca/html/3401_39.html 

 


Dagli strumenti semplici si è passati poi a quelli più elaborati che permettevano misurazioni multiple come quello pubblicato più sotto.

Craniometro marcato "Original  Helios" composto da un calibro verticale marcato in centimetri ed in pollici e da due aste auricolari millimetrate.  A lato l'applicazione pratica di uno strumento simile

Fisiognomica - Physiognomy

Curiose immagini tratte da S.Wells, "New Physiognomy, or Signs of Character" - 1871.   Secondo questa teoria, derivata sempre dalla Frenologia, la somiglianza cranio-facciale con un animale rifletteva nell'uomo il carattere tipico di tale animale !!


Per sorridere: la Frenologia vista da un umorista

Due simpatiche vignette tratte dal web...

Links
 Museo di antropologia criminale "Cesare Lombroso"  -    http://museolombroso.unito.it/index.php/it/