Home ] Su ] Ambre Balte ] Baltic Amber ]                      

Oto Audiologia

Anestesia ] Aspiratori Pneumologia ] Cardiologia ] Cauterizzatori ] Chirurgia ] Contraccezione ] Curiosità Mediche ] Elettroterapia ] Farmacia ] Fecondazione Gravidanza ] Frenologia Craniologia ] Ginecologia  Forcipi ] Ginecologia Ostetricia ] Ginecologia Vaginal Specula ] Inalatori Vaporizzatori ] Irrigatori ] Laboratorio - Ematologia ] Libri - Bibliografia ] Medicina Popolare ] Nursing Cura dell'Ammalato ] Nursing Pediatria ] Odontoiatria ] Oftalmologia ] [ Oto Audiologia ] Otorinolaringologia ] Proctologia ] Raggi X -  Radon ] Salasso Scarificazione ] Segnalazioni Novità ] Sfigmomanometri ] Siringhe ] Sterilizzazione Disinfezione ] Stetoscopi ] Trasfusione Sangue ] Urologia ] Vaccinazione ] Vibratori Massaggiatori ]

          


Apparecchi acustici   -  Dentaphone  -  Fonifero  - Cornetto Acustico  -  Auris  -  Siemens Halsche  -  The Magniphone  -  Acousticon mod. 26  -  Ardente London  -  Phonophore Med 304  -  Akusik Silber  -  Orto Tronic Audiphone  -  Ardente Royal Crest  -  Maico 195  -  Zenit Royal Crusader  -  Apparecchio Acustico Recente  -  Strumenti Diagnostici  -  Massaggiatore del Timpano  -  Assordatore di Barany  -  Assordatore Elettrico e Coni Auricolari  - The Mallock-Armstrong Ear Defender  -  The Gem Earphone  -  Diapason Diagnostici  -  Links

Apparecchi acustici - Audiologia. Hearing aid - Prothèses auditives

Apparecchi acustici - Audiologia. Hearing aid - Aide auditive Nell'arco di 100 anni  sono stati fatti dei progressi incredibili nel campo delle protesi acustiche; all'inizio l'unico mezzo per aiutare il paziente con deficit auditivo era costituito essenzialmente da un grande e scomodo apparecchio a forma di imbuto che convogliava i suoni all'orecchio.

L'avvento dell'elettricità e dell'elettronica ha dato un essenziale contributo alla risoluzione del problema permettendo la costruzione di apparecchi sempre più piccoli e potenti.

I primi apparecchi erano molto semplici: un microfono a carbone, una pila ed un auricolare; successivamente le valvole e i transistors hanno migliorato notevolmente l'amplificazione e la correzione dei suoni infine i microcircuiti hanno reso oggi le protesi molto affidabili e pressoché invisibili. 


Dentaphone Co. Cincinnnati - 1880. - Non fa più parte della collezione.


 

 


Raro e fragile strumento della Ditta Dentaphone Cincinnati - 1880; era composto da un triplice foglio di gomma indurita: le onde sonore che lo investivano erano convogliate ai denti del paziente che poteva "sentirle" attraverso la trasmissione ossea. La maggiore o minore flessione dei fogli probabilmente permetteva di selezionare le frequenze dei suoni in arrivo.  Molto simile al Dentaphone era un altro apparecchio chiamato Audiphone.

La copia del brevetto e l'immagine "folding Dentaphone" sono tratte dal sito della Washington University School of  Medicine  http://beckerexhibits.wustl.edu/did/19thcent/index.htm. Grazie a Philip Skroska - Manager, Visual and Graphic Archives Bernard Becker Medical Library - per l'autorizzazione alla loro pubblicazione.


Fonifero - Prof. Paladino Napoli - 1880

In questo breve opuscolo del 1880 che pubblico integralmente più sotto, il Prof. Giovanni Paladino di Napoli dichiara di aver realizzato qualche anno prima dell'Audiphone e del Dentaphone uno strumento che ha chiamato Fonifero, chiede quindi che gli venga riconosciuta una priorità nello studio e nell'applicazione della trasmissione dei suoni attraverso la via ossea, nel 1876  aveva infatti presentato questo apparecchio su una rivista scientifica.

La forcella veniva appoggiata al collo di colui che parlava, il bottone al lato opposto veniva applicato ai denti o all'osso mastoideo.

Lascio alla lettura delle sue  pagine la descrizione dettagliata del Fonifero .



Cornetto acustico a tubo lungo  1850 - 1900.  Conversation tube - Cornet acoustique.


I cornetti acustici a gambo corto erano sicuramente pratici da usare però obbligavano ad un contatto molto ravvicinato con l'interlocutore, il cornetto a tubo permetteva invece di mantenere una certa distanza e in teoria aiutava a prevenire la trasmissione di malattie: Pasteur in quegli anni aveva evidenziato il pericolo di contagio a causa dei microbi trasmessi per via aerea.


"AURIS" - General Acoustic Company


Apparecchio acustico "AURIS" - General Acoustic Company assorbita nei primi anni del 1900 dall'attuale Oticon. Funzionava con un microfono a carbone inserito direttamente sul contenitore della pila e con auricolare a manico.

Acousticon con microfono a carbone L'immagine a lato mostra come era usato un apparecchio acustico con manico: il microfono era applicato al vestito della persona affetta da sordità che poteva ascoltare il suono amplificato tramite l'auricolare inserito sul manico a forcella: una mano era perciò sempre occupata.


Siemens & Halsche A-G


La ditta Siemens & Halsche A-G è stata fondata nel 1847, si era dedicata sopratutto alla ricerca ed alla produzione di apparecchi per telegrafia; nel 1910 iniziò anche la produzione di apparecchi acustici brevettando un auricolare molto piccolo, facilmente inseribile nell'orecchio.

L'apparecchio della collezione è caratterizzato da un sottile microfono a carbone rettangolare: un dispositivo a molla gli permette di essere posato verticalmente su un tavolo per seguire una conversazione multipla mentre un'asola in pelle facilita l'aggancio a un bottone del vestito per l'uso dell'apparecchio quando si è in movimento. L'auricolare ( hazelnut ) è dotato di 3 olive di differenti forme e dimensioni.


THE MAGNIPHONE


Apparecchio acustico con microfono a carbone costruito da: "THE MAGNIPHONE COMPANY" Chicago - USA attorno al 1920.

L'auricolare è a forcella e non più inserito su un manico, questo è indubbiamente un vantaggio perché lasciava le mani libere; il microfono era applicato direttamente alla batteria oppure poteva essere staccato collegandolo ad un cavetto dedicato; il suono veniva convogliato al microfono attraverso il cilindro in bakelite.


ACOUSTICON Mod 26


Apparecchio acustico con microfono a carbone ACOUSTICON Mod 26 prodotto dalla Dictograph Products nel 1927 (?); era alimentato da una pila da 4,5 volt; alla base del microfono un commutatore coassiale regolava il volume; da notare il piccolo auricolare.


ACOUSTiCON Mod 28


Apparecchio acustico con microfono a carbone ACOUSTiCON Mod 28 prodotto dalla "DICTOGRAPH  PRODUCTS Co."  nel 1930 ca.

E' un insieme piuttosto voluminoso e di non facile trasportabilità; il microfono a carbone poteva essere appoggiato verticalmente su un tavolo tramite una piccola base accessoria oppure con una piccola pinzetta posteriore si agganciava al vestito.

Era dotato di 2 tipi di auricolare: uno a forcella ed un secondo miniaturizzato da inserire nell'orecchio.


Ardente- London


Apparecchio marcato "Ardente"- For the deaf ears - London. Doppio microfono a carbone con regolazione del volume. (1920?)

Questo apparecchio poteva essere usato con la custodia appoggiata sul tavolo e con i microfoni inseriti al suo interno per poter seguire una conversazione multipla oppure senza la custodia poteva essere agganciato ad un'asola del vestito permettendo una certa libertà di movimento grazie anche al piccolo auricolare da inserire nell'orecchio. 


PHONOPHORE Med 304


Apparecchio  acustico "PHONOPHORE Med 304" prodotto dalla Siemens attorno al 1925-30; di fattura robusta ed accurata è composto da un corpo centrale con 2 microfoni a carbone, da un auricolare, da un trasduttore osseo e da un amplificatore a carbone brevettato dalla Siemens nel 1924.

Poteva essere nascosto sotto il vestito; l'unica parte visibile era il piccolo auricolare che arrivava all'orecchio. (Phonophore è anche il nome di un particolare stetoscopio)


AKUSTIK Silber-Type C X


Apparecchio marcato AKUSTIK Silber-Type C X costruito dalla ditta Deutsche Akustik-Gesellschaft Steup & Co., Berlin-Reinickendorf-Ost probabilmente attorno al 1925. 

Il microfono è a carbone ed è applicato direttamente sul portapila; è dotato di 2 auricolari: uno grosso a forcella, il secondo più piccolo va inserito direttamente nell'orecchio; l'interruttore è applicato su una delle due spinette di collegamento dei fili.


Ortho Tronic Audiphone


Apparecchio della Western Electric - Ortho Tronic Audiphone del 1938 ca. Il regolatore del volume era applicato direttamente sul microfono a carbone e probabilmente era di tipo meccanico.

Era alimentato da una pila di 3 volt.


Ardente "Royal Crest"


Apparecchio marcato Ardente "Royal Crest" - Designed By The  Ardente Otological Research Unit  - 

Interessante apparecchio valvolare miniaturizzato alimentato con 2 pile: 1,5 volt per i filamenti e 22,5 volt per l'anodica. 1945 -50 ca .  

 


MAICO 195

Apparecchio marcato "MAICO 195", di dimensioni ridotte: misura 7,0 x 4,5 x 2,0 cm.

Costruito a partire dal 1955 ha avuto un notevole successo commerciale; è equipaggiato con un amplificatore a transistors e con un microfono piezoelettrico. 


"ZENIT" Royal Crusader

Appareccio "ZENIT" Royal Crusader, dimensioni: 5,0 x 3,5 x 1,50 cm.

Costruito attorno al 1975; la miniaturizzazione è evidente se confrontata ad un analogo apparecchio di 20 anni prima.      

 


Apparecchio acustico recente

Recente e piccolo apparecchio acustico da inserire nel dotto auricolare. Argento e plastica; lunghezza  max 2,5 cm. 

 


Strumenti diagnostici - Audiologia.

Massaggiatore del Timpano - Ear Masseur - Masseur du Tympan


Siringa pneumatica con ritorno a molla del pistone; oliva auricolare in vetro. Con un movimento di va-e-vieni creava alternativamente una compressione e una depressione sul timpano   (Vedi anche Otorino)

Assordatore di Barany


Lo strumento di Barany era un generatore di rumore usato per testare la capacità auditiva del paziente; la parte conica dello strumento o l'oliva auricolare (vedi foto la foto del catalogo), era applicata all'orecchio in esame, il rumore era veramente assordante e poteva raggiungere i 110 db.

Robert Barany (1876-1936) si laureò in medicina nel 1900 e lavorò al Politzer's Ear Clinic di Vienna dove si applicò nelle ricerche sul sistema vestibolare.


Assordatore elettrico e coni auricolari


Astuccio diagnostico comprendente un assordatore, versione elettrica dell'apparecchio di Barany e 2 coni sagomati la cui funzione era probabilmente quella di dilatare il dotto auricolare. 

The Mallock-Armstrong Ear Defender - Londra 1914


La Mallock - Armstrong di Londra nel 1914  ha messo in commercio dei tappi auricolari che nelle intenzioni della ditta avrebbero dovuto proteggere il timpano dai suoni violenti come scoppi ed esplosioni permettendo tuttavia il passaggio di quelli a basso livello.

Malgrado il parere non proprio favorevole del British Medical Journal del 1915 (vedi sopra ) questo dispositivo ha continuato ad essere prodotto ed è stato usato anche dagli aviatori inglesi nella seconda guerra mondiale.

Era presentato in diverse taglie per meglio adattarsi ai vari dotti auricolari ed aveva a corredo un netta-orecchie; nella collezione: 00 Extra small e 1 Medium.  A lato la copia del foglietto illustrativo che accompagnava ogni confezione.

http://www.hearingaidmuseum.com/gallery/Miscellaneous/Other%20Items/info/EarDefenders.htm

L0058074 Credit Science Museum, London, Wellcome Images 


THE GEM EARPHONE


Apparecchio marcato "THE GEM EARPHONE CO" - New York - primi anni 1900; è sostanzialmente un vibratore alimentato da una batteria: appoggiando la testa vibrante alla mastoide o ai denti permetteva di testare l'eventuale capacità auditiva del paziente attraverso la trasmissione ossea. 

Diapason Diagnostici


Vari tipi di diapason, permettevano di valutare la risposta del paziente alle differenti frequenze.


Links

Hearing Aid Museum  http://www.hearingaidmuseum.com/othermuseums.htm

The History of Hearig Aids http://www.thehistoryof.net/history-of-hearing-aids.html

Aids to Hearing http://www.medicalindexing.co.uk/rob/hearing/hearing.htm

Washington University School of  Medicine http://beckerexhibits.wustl.edu/did/index.htm

AudioSapiens  http://www.audiosapiens.fr/node/3


ritorno a strumenti medici